Ascoltaci in diretta o apri il player in una nuova finestra

Project Image

Questa mattina, la Novipiù Junior Casale si è recata presso il Presidio Ospedaliero Infantile di Alessandria, sostenuto dalla Fondazione Uspidalet, in occasione della Cerimonia d’Inaugurazione del Progetto Anne, un simulatore avanzato per l’assistenza al neonato prematuro per la Terapia Intensiva Neonatale di cui la Junior è tra i benefattori attraverso i propri Soci, il pubblico e tutte le iniziative ideate dal Club.
 
Per il quarto anno la Novipiù è al fianco della Fondazione Uspidalet, il cui logo compare sulla canotta da gioco della Prima Squadra, e ha accolto con grande orgoglio l’invito alla cerimonia, portando tutti gli atleti, i coach, lo staff e alcuni dei principali benefattori, insieme alla Dottoressa Serena Monina Cerutti, non potendo il Presidente d’Onore della Novipiù, Dott. Giancarlo Cerutti, essere presente a causa di impegni lavorativi fuori dall’Italia.
 
“Abbiamo scelto questa giornata perché ci tenevamo ad avere i nostri amici casalesi e gli atleti della Novipiù Casale insieme a noi” - Ha esordito così Alla Kouchnerova, Presidente della Fondazione Uspidalet -. “Con loro ci sono anni di sostegno e ringrazio il Cavaliere del Lavoro, Dott. Cerutti, per l’idea di queste iniziative e la loro realizzazione e ringrazio tutti gli Sponsor che hanno da sempre contribuito. Oggi festeggiamo la nascita di una bambina tecnologica, Anne: è stata collaudata collaudata il 28 giugno e oggi la inauguriamo ufficialmente. 
È molto significativa questa prova di solidarietà da parte della Junior Casale, e anche il fatto di avere il logo della Fondazione sulla maglia per noi è molto importante: rappresentate i valori altruistici ed umani e questo vi fa onore”. 
 
Dopo gli applausi, Giacomo Carrera, General Manager della Novipiù Casale, ha ricevuto dalle mani del Direttore della Fondazione Uspidalet una targa di ringraziamento alla Società per il continuo sostegno in tutte le attività; il capitano della Junior, Niccolò Martinoni, ha invece consegnato una canotta bianca della stagione 2018/19 autografata da tutti i giocatori. 
 
E’ stata poi la Dottoressa Serena Monina Cerutti a prendere la parola: “E’ un grande piacere essere qui, a vedere quante cose sono state realizzate e quante se ne realizzeranno ancora. Mi viene in mente una frase che si trova all’ingresso del Vittoriale che si addice a tutto questo, ‘Io ho quel che ho donato’, perchè secondo noi è molto più appassionante donare che non ricevere e quando poi si vedono questi risultati ci si riempie di orgoglio”.
 
Al termine della cerimonia, lo spostamento all’ingresso del Reparto di Terapia Intensiva Pediatrica per scoprire la targa recante i nomi di tutti i benefattori.